Londa, Comune chiede alla RAI di potenziare il segnale. “Vediamo solo 4 canali su 15”

LONDA – Ricevere tutti i 15 canali della Rai e superare in modo tangibile il digital divide nei comuni montani.

È questa la richiesta che arriva dal Consiglio Comunale di Londa che, all’unanimità, ha approvato un ordine del giorno per chiedere a governo e parlamento un’azione in questo senso.

Sul territorio comunale di Londa buona parte dei cittadini ricevono solo 4 canali RAI sulla piattaforma digitale terrestre, a fronte dei 15 totali offerti dal “servizio pubblico” e, proprio in occasione del nuovo metodo di pagamento del Canone Rai che vedrà il costo “spalmato” nella bolletta elettrica bloccando l’evasione di questa tassa, il Comune chiede che finalmente anche i cittadini della “montagna” e nello specifico di Londa, possano vedere tutti i canali televisivi esattamente come quelli della pianura.

Il Comune di Londa si mobilita nuovamente chiedendo a Governo e Parlamento di sollecitare RAI Way, società italiana proprietaria delle infrastrutture e degli impianti per la trasmissione e diffusione televisiva e radiofonica della RAI, a potenziare le infrastrutture per la trasmissione TV “in particolare – si legge nell’ordine del giorno – nelle aree montane e più interne del paese ed in particolare nel Comune di Londa”.

Per questo il Consiglio chiede un monitoraggio per la verifica della ricezione del segnale televisivo al quale partecipino anche le Regioni, le Unioni di Comuni, Anci ed Uncem, l’attivazione di un tavolo interministeriale relativo alle strategie per la risoluzione del divario digitale.

Ma oltre a questo viene richiesto anche un rafforzamento ed ampliamento dell’informazione locale e regionale “riattivando e potenziando trasmissioni quali TGRMontagne e Ambiente Italia” e coinvolgere la Commissione Parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi e l’intergruppo parlamentare per lo Sviluppo della Montagna.